Sei vicino o lontano?

Se sei arrivato qui sei già a buon punto.

Con la tua lista lavori alla mano avrai le idee chiare su cosa ti aspetta e su cosa vuoi fare.

Ora si aprono due scenari

Si. A seconda della situazione saranno completamente diversi per la gestione dei lavori.

 

Sei vicino o lontano? Hai la possibilità di recarti ogni qual volta tu lo voglia a seguire i lavori oppure abiti a 3ookm di distanza o più?

 

Già perché questo per i più ansiosi o meticolosi può essere un elemento penalizzante.

 

Nel primo caso, ovvero che tu sia nelle immediate vicinanze del tuo appartamento in ristrutturazione facilita di molto la gestione.


Potrai recarti ogni qual volta tu lo desideri per guardare o verificare l’avanzamento, interfacciarti con le imprese o mantenere i buoni rapporti di vicinato. Pertanto non mi dilungo troppo a descrivere un aspetto tutto sommato normale.

 

Nel secondo caso invece entrano in gioco altri fattori. Stai tranquillo potrai vivere sonni tranquilli anche da molto distante.
Casa

La lontananza non é più un ostacolo

Negli anni mi é capitato di seguire progetti dove l’Architetto o il Committente fossero dall’altra parte del mondo.


Non é un esagerazione ma é proprio cosi. Americani, Russi, Sudafricani e molti altri ancora e credimi tutto é filato liscio.

Certo, si avevano più informazioni da trasmettere e divulgare dovute dalla distanza ma oggi grazie alla tecnologia possiamo permetterci tutto.

 

Il punto focale é sempre uno.


Affidarsi a persone competenti che sanno il fatto loro.


Tecnici, imprese, Architetti, Ingegneri o capi progetto sono figure fondamentali per la riuscita di ogni progetto.

 

Le persone fanno grandi i progetti.

 

Senza queste figure anche cambiare le maniglie alle porte di casa tua diventa un incubo.


Ridi? Allora senti qui.

 

Mettiamo per un attimo che tu sia a Roma e chiami un tuttofare per cambiare le maniglie di casa tua al mare, e magari l’hai trovato tramite un annuncio.

 

Ora ti metto in ordine gli step ed i possibili inconvenienti, perché a parole é sempre tutto facile:

 

  1. Il montatore deve fare il sopralluogo per vedere che tipo di fissaggio ed attacco hanno le maniglie esistenti sulle tue porte. 
  2. Quindi dovrà entrare in casa tua, ma siccome non ti fidi gli farai aprire dal tuo portiere di condominio o chiamare un parente/amico. Sono già due persone che devi mettere d’accordo su orari e giorni. 
  3. Dopo il sopralluogo vieni a conoscenza che bisogna effettuare una lavorazione in loco per l’adattamento delle nuove maniglie. 
  4. Devi effettuare bonifico o versare anticipo per fargli ordinare le maniglie. 
  5. Quando le maniglie arrivano devi organizzare nuovamente giorno ed orario tra il tuo amico ed il posatore. 
  6. La posa viene fatta, ma bisognerà far venire un pittore per ritoccare le porte dopo la nuova lavorazione. 
  7. Per il pittore riparti dal punto 1 
  8. Dopo aver ripetuto il tutto, dovrai far ripulire i locali e quindi far venire la donna delle pulizie e coinvolgere nuovamente il tuo amico, che ora avrà una crisi di nervi. 
  9. A lavori finiti, chiederai al tuo amico di mandarti delle foto, e dopo averle ricevute gli dirai “Ma non ha mica fatto bene questo. Cavolo quello l’ha fatto male” 

Alla fine della fiera?!


Non sei soddisfatto al 100% dei lavori perché se c’eri tu li sicuramente veniva meglio.


Hai un amico in meno.


E Dio solo sa quanti soldi e tempo hai buttato via in questa storia solo per delle maniglie!

 

Chiaramente ho voluto estremizzare, ma non più del dovuto, perché cose cosi accadono veramente.

 

Il concetto di base é che ci sono professionisti che possono venire in aiuto per situazioni quali lavori di ristrutturazione e costruzione.


Che tu sia lontano o vicino.


Si perché a seconda dell’importanza del progetto anche se abiti al piano di sopra farai meglio ad affidarti a qualcuno di professionalmente più competente di te.

 

Almeno avrai qualcuno con cui prendertela!


A parte gli scherzi.


Queste figure professionali una volta incaricate potranno seguirti giornalmente l’andamento del progetto ed occuparsi della trasmissione di foto, problematiche, avanzamenti, ritardi o cambiamenti quasi quotidianamente.

 

Ma chi incaricare?

Anche qui va fatto un distinguo.


Avrai la possibilità di avere un impresa generale, un unica interfaccia, che gestirà in toto i lavori.


Avanzamenti, verifiche, planning, sub appaltatori e tanto altro. Soluzione pratica e veloce, con i suoi costi ma d’altronde ogni cosa ha i suoi costi.

 

CasaIo sono stato capo progetto e tante volte come impresa generale e non posso negare che ricoprendo quella posizione si ha un solo obbiettivo: fare gli interessi della tua società chiaramente, é lei che ti paga.


Questo cosa vuol dire?


Semplicemente che in caso di imprevisti, problematiche o ritardi devi difendere a spada tratta l’operato.


Agli occhi del cliente si tende a calmare le acque cercando di raggranellare un pò di tempo in più.


E’ la verità, fa parte del gioco.

 

Diverso invece quando la missione di gestione/controllo viene data ad una figura professionale indipendente.


Quale?


Un Architetto, un Ingegnere oppure un Geometra.


Loro non avendo legami né interessi con le società coinvolte nel progetto saranno pagate da te e pertanto faranno esclusivamente i tuoi interessi.

 

Hai presente il maestro/a severo e perennemente con lo sguardo da Terminator ai tempi della scuola?


Ecco, esattamente cosi. Andrà in cantiere a sorpresa, richiederà informazioni, controllerà i metodi di posa, le presenze in cantiere, le date di inizio e fine e tanto altro ancora.


Ecco, per esperienza queste figure é meglio non farle incazzare, perché per un impresa o tecnico il cantiere sarà una perenne interrogazione.

 

Qualora decidessi di nominare un responsabile, imponi una riunione settimanale con tutte le imprese e la compilazione di un rapporto scritto da diffondere a tutti con le decisioni, date di inizio e date di fine, ed in allegato il planning contrattuale.

 

Non generalizziamo

Chiaramente nella vasta scelta di imprese e tecnici ci sono diverse personalità e maniere di lavorare.


Non si può generalizzare pertanto quanto detto sopra sono alcune delle situazioni che si possono presentare durante lo svolgimento dei lavori.

 

La scelta su chi far ricadere il compito di seguirti i lavori a distanza la farai sempre tu.


Sulla base di informazioni, conoscenze e referenze potrai affidare il compito a chi vorrai, ma fallo sempre con giudizio, d’altronde é pur sempre di casa tua e dei tuoi soldi che stiamo parlando!

Se la tua scelta sarà ponderata e cadrà su professionisti e imprese serie, il fatto di esser vicino o lontano sarà solamente un dettaglio geografico.

 

Ultimo consiglio

Questo varia a seconda della durata dei lavori;

Sicuramente é bene incontrare le imprese ed i professionisti scelti all’inizio dei lavori per dettare le linee guida, quali:

 

  • divulgare accordi con condomini/amministratore/vicini 
  • definire gli obbiettivi temporali, come data fine lavori 
  • sottolineare aspetti imprenscindibili come pulizia giornaliera parti comuni, rispetto orari etc 
  • divulgare tuoi contatti email o telefonici 
  • presentare eventuale responsabile/Capo progetto 

Questo per quanto riguarda l’inizio.

 

Ti consiglio di effettuare anche una visita intermedia o durante le fasi più importanti dei lavori per controllare prima che sia troppo tardi.

 

Last but not least alla fine dei lavori riunione generale con responsabile ed imprese per verificare ogni aspetto e verificare cosi la presenza di Riserve come descritto nell’articolo, ovvero lavori ancora da ultimare quali finiture o riprese.

 

Batti un Like ti sarò grato!