Parametri di ricerca

Benvenuto futuro proprietario o affittuario!


Sei atterrato sull’articolo che ti aiuterà nella definizione dei tuoi parametri di ricerca per ottimizzare il tuo tempo e la tua efficacia nel trovare l’appartamento o casa che stai cercando.

 

Già molti utenti si sono serviti di questi consigli ed hanno stilato l’elenco dei loro desideri o necessità prima di muoversi in questa selva infinita di possibilità e proposte che oggi popolano il mercato immobiliare.

 

In questa guida ti aiuterò a trovare la casa dei tuoi sogni in pochi passi.

 

In questo articolo ti spiegherò come:

 

  • definire chiaramente quello di cui hai bisogno
  • capire se quello che hai in mente è la soluzione giusta
  • infine alcuni trucchi per saper scegliere al meglio

Se hai già chiare le tue idee su cosa ricercare, vai subito al mio prossimo articolo per sapere cosa guardare
nella zona di tuo interesse!

 

Lo trovi qui: “Conoscere la zona”

 

Ognuno ha diverse motivazioni quando cerca una nuova residenza, dalle più ovvie a quelle più disparate, ma dovrai sempre fare fronte a dei quesiti basilari come:

 

  1. Cosa mi posso permettere? E’ chiaro che questo sarà l’aspetto predominante legato alla tua ricerca, quello che ti porterà a scegliere o eliminare alcune tipologie di case o zone.
  2. Di cosa ho bisogno? Questo è un altro particolare fondamentale, perché oltre a influenzare la sceltainiziale e la conseguente ricerca andrà inconsapevolmente a ricadere anche sulle tue scelte di vita future.

E’ chiaro che le domande da porsi sono molte di più e bisogna entrare nel merito delle risposte, quindi farsi un auto esame con te stesso o con la tua dolce metà.

In questo articolo andiamo a percorrere passo passo la migliore strada per capirlo.

 

Da dove inizio?

In Italia il mercato immobiliare é in continuo movimento, da non confondere però con l’andamento delle compravendite. Il nostro panorama immobiliare è molto più variegato rispetto ad altre nazioni.

 

Basti solo pensare che a differenza di altri paesi come la Svizzera a noi vicina, noi disponiamo di località montane, località marittime, isole e centri abitati.


Quindi ne abbiamo per tutti i gusti!

 

Il primo passo da fare è porsi delle domande e determinare degli obbiettivi.

 

Uno dei miei mentori Bob Allen, grande e stimato uomo d’affari e immobiliarista made USA, da sempre é un sostenitore del tema “fissarsi un obbiettivo”.

 

“Senza obbiettivo non c’é nessun traguardo”

 

Si, perché se non ci prefiggiamo degli obbiettivi o parametri di ricerca rischiamo di perderci nelle centinaia di offerte presenti oggi sul mercato, di essere inconcludenti e perdere tempo.

 

Cercare casa é sempre una sfida, alle volte facile ed alle volte più difficile, ma é sempre una sfida. Ti provoca diversi stati d’animo ed influisce anche sulla tua emotività in modo del tutto inconsapevole.

 

Dici di no?

 

E allora come mai quando non trovi casa dopo diverse ricerche o visite sei scoraggiato?


Perché quando visiti o vedi anche solo sul giornale case al di fuori della tua portata provi quel senso di “Cavolo che bella, guarda che vista, é un sogno” e con la mente voli anche solo per pochi istanti?


Ed in ultimo, quando invece trovi la casa giusta per te, non sei euforico?


Non affronti il trasloco e le fasi successive con un energia ed una motivazione che neanche sapevi di avere?

 

Ecco questo intendevo!

 

La ricerca di una casa deve avvenire in un modo che tu possa muoverti con decisione senza distrazioni ed avendo gli obbiettivi ben chiari, solo cosi non sarà un incubo ma una bella avventura!

 

Ecco le 4 cose da analizzare

Iniziamo subito con l’analizzare i 4 parametri più importanti e fondamentali.

 

Siediti tranquillo. Ti consiglio di prendere carta e penna e riportarli su un foglio di carta.

 

Fatto questo, prenditi il tempo che ti serve ma concentrati allontanando le distrazioni.


Le risposte che darai dovranno essere scritte con calma e ponderate.


E’ un esercizio vecchio non innovativo, ma credimi quando sei solo Tu ed il tuo pezzo di carta la tua mente saprà esser lucida ed analizzare tutti gli aspetti.

 

Pronto?

 

1. Aspetto economico

CasaEbbene si, niente di nuovo. Sempre il Dio denaro che comanda tutto, tante volte condizionando le nostre possibilità.

 

Quando vuoi cambiare casa ci sono diverse voci di spesa che spesso talvolta vengono dimenticate magari anche dalla voglia o necessità di partire verso nuove mete.

 

Quante volte sentite dire “Ho trovato una bellissima casa nell’entroterra lontana dal traffico e dal caos quotidiano, e tutto questo a 200€ in meno rispetto al mio appartamento in città! Andrò a vivere meglio e risparmiare venendo cosi in città solo a lavorare!”

Peccato che sia stato abbagliato dalla tranquillità del posto e non abbia analizzato i costi intrinsechi dovuti a questa scelta.

 

Quali?

  • i costi di trasloco sono maggiori rispetto al muoversi in città
  • la maggior parte dei servizi sono in città e non vicini a casa sua
  • spese di manutenzione giardino, prodotti e consumi
  • carburante per andare e venire dal lavoro
  • valore del proprio tempo personale speso nei tragitti (già, anche lui ha un suo costo)
  • un cinema, una pizza, una bevuta in compagnia? prendi l’auto e torna giù
  • manutenzione ordinaria e lavori straordinari di una casa rispetto ad un appartamento
  • etc etc etc

 

Capisci ora cosa comporta una scelta non ponderata?

 

Alla lunga quello che sembrava essere un paradiso si trasforma in un incubo finanziario ed emotivo.

 

Alla voce “aspetto economico” ragionaci bene. Soffermati ed immaginati ad occhi chiusi come sarebbe la tua routine quotidiana, le cose normali che fai oggi dove ti trovi e quelle che dovresti fare nella tua nuova dimora.

 

Inserisci i costi di allaccio utenze, spese contrattuali, acquisto elettrodomestici, arredamenti e mano d’opera per il loro montaggio, una parte per gli imprevisti e tutti quei dettagli fino alle lampadine della cucina.

 

Definisci il tuo potere di spesa sostenibile, quello che TU potresti spendere tranquillamente mantenendo un margine corretto per la tua vita quotidiana ed il plafond massimo per cui saresti disposto ad arrivare senza intaccare la tua tranquillità finanziaria.

 

Un altro mio mentore Jim Rohn, grande investitore e formatore, sottolinea una regola chiamata 70-30.

Cosa vuol dire 70-30?

Semplice.

Non spendere MAI oltre il 70% delle tue entrate in spese per il tuo sostentamento; lascia da parte un 30% delle tue entrate per risparmi ed investimenti.

 

2. Tipologia della casa

Questa è una scelta personale dettata anche dalla tua situazione familiare e da quello che vorrai dal tuo futuro.


Perché dico questo?


Che senso avrebbe trasferirsi con la tua dolce metà con la quale vorrai metter su famiglia a breve e spostarti in un monolocale?!

 

CasaCredetemi che durante la mia carriera ho visto persone cambiare due o tre residenze all’anno per i più svariati motivi, dal più futile a quello più grave, e perché?


Semplice non avevano fatto una disamina prima di decidere.

 

Chiediti cosa ricerchi, cosa ti piacerebbe veramente.

 

Sei un tipo dinamico a cui piace il contatto con la gente?


Ti piace la tranquillità oppure la natura?


Ami la luce, gli ambienti luminosi o magari fai un lavoro notturno e quindi ti importa poco?

 

Ami avere le comodità raggiungibili a piedi o ti piace fare una spesa a settimana ed usare la bellissima dispensa che ti sei costruito?

 

Sembrano dettagli, chiacchere da bar, ma sono questi i parametri che devono essere considerati.


Sono queste sfumature che ti aiuteranno a visualizzare il tuo obbiettivo.

 

3. Utilizzo 

Qui va fatto un distinguo.


Quello che stai cercando sarà la tua residenza principale, una residenza vacanza oppure un investimento immobiliare per una successiva messa a reddito?

 

In tutti e tre i casi ti rimando all’articolo successivo “Conoscere la zona” , elemento fondamentale per la giusta scelta.

 

CasaE’ normale che la residenza primaria avrà una ricerca più approfondita, perché in ballo c’é anche la vostra qualità della vita, quella di tutti i giorni.


Diverso é sopportare un pò di baccano 3 mesi l’anno e per lo più in ferie, tutt’altra cosa é digerirlo tutti i santi giorni.

 

Quali sono le domande da porsi, per visualizzare cosa stiamo ricercando?

  • quanto spazio ho bisogno per le mie cose?
  • prediligo funzionalità o design?
  • odio l’inquinamento ed il rumore?
  • ho bisogno di un posto auto coperto o garage per la moto?
  • voglio un quartiere sicuro
  • necessito di trasporti pubblici e servizi a pochi passi?
  • cerco materiali e finiture di lusso o non mi importa?

Queste sono alcune delle domande da cui prendere spunto per avere delle risposte e definire i parametri giusti per la ricerca.

 

Le giuste risposte le avete solo voi.

 

4. Stato attuale dei locali

Tranquilli non bisognerà essere dei tecnici ma quantomeno avere l’attenzione giusta nei particolari ed i giusti parametri.

 

CasaInnanzitutto cosa cerchi?


Una casa che aspetti solo te ed i tuoi arredi o sei una persona che ama rimboccarsi le maniche e personalizzare gli interni?

 

Nella seconda opzione dovrai esser ancora più scaltro ed attento per il giusto calcolo dei costi (Punto N 1), e se ti manca della tecnica nel giudicare il vero stato reale ti consiglio di affidarti ad un tecnico competente perché l’errore può esserti fatale.

 

Un mio conoscente una volta comprò un bellissimo attico completamente da rifare in un palazzo antico a Nizza decidendo di occuparsi direttamente della ristrutturazione.

 

Una volta finiti i nuovi rivestimenti il vecchio impianto idraulico pensò bene di abbandonarlo inondando letteralmente i piani inferiori nell’unico week-end che lui era in montagna….

 

Ho reso l’idea?

 

Direi che ci siamo; abbiamo visto insieme i primi passi da fare per determinare i giusti parametri per una ricerca ottimizzata, rapida e veloce.


Aggiungi tue riflessioni sul tuo pezzo di carta e vedrai che la tua prossima casa incomincerà a prendere forma.

 

Un artista francese del secolo scorso disse :

 

“Dipingi il sogno e rendilo visibile, cosi chiaro e nitido da poterlo toccare con mano”

 

Se leggere questo articolo ti ha fatto piacere e vuoi fare qualcosa per ringraziarmi del mio lavoro non ti resta che condividerlo cliccando qui sotto, GRAZIE