Kerlite rivestimento ultra sottile

allarmi
Come proteggere casa e quale allarme scegliere
5 Ottobre 2017
lavori
Come seguire l’avanzamento dei lavori
7 Ottobre 2017

Kerlite rivestimento ultra sottile

kerlite

Stai pensando di cambiare i rivestimenti di casa tua e sei indeciso sul materiale?

 

Bene, allora fermati e rifletti assieme a me.

 

Gli step per la sostituzione delle piastrelle

 

Se sei convinto di sostituire i tuoi rivestimenti orizzontali o verticali ti sarai fatto due conti in tasca.

 

Avrai subito notato come dare un tocco di nuovo agli ambienti possa essere costoso ed impegnativo.


Certo a primo impatto non sembrava cosi difficoltoso, ma tutto cambia quando arriva l’impresa per farti il preventivo.

 

Il rivestimento attuale va tolto, intervenendo con una demolizione del sottofondo e delle piastrelle. Questo inevitabilmente creerà un volume di macerie non indifferente.

 

Pertanto oltre alla demolizione si avrà l’evacuazione dei detriti ed il successivo smaltimento.

 

Nella seconda fase bisognerà livellare nuovamente il sottofondo, lasciandolo asciugare, per poi posare il nuovo rivestimento.

 

Dall’idea iniziale alla fine lavori passano diversi giorni e diverse migliaia di euro.

 

Kerlite by Cotto d’Este

 

Questo rivestimento nel 90% dei casi permette una grande economia nei lavori di rinnovo.

 

Perché?

 

In commercio ci sono svariate tipologie di piastrelle e rivestimenti.

 

Tutte con le loro caratteristiche e peculiarità. Ma una cosa le accomuna, lo spessore.

 

Già perché la maggior parte possiede uno spessore compreso tra i 18 ed i 25mm che sommato allo spessore di colla, altri 5mm minimo, obbliga a demolire il vecchio rivestimento.

 

Ma perché dobbiamo demolirlo?

 

Semplice, perché altrimenti se incollassimo sopra il nuovo rivestimento al vecchio non si aprirebbero più le porte e le finestre.

 

Le porte come quella d’entrata normalmente hanno dei giochi (vuoti) davvero esigui.

 

La novità é proprio qui!

 

La Kerlite é un rivestimento che possiede uno spessore che varia tra i 3,5 ed i 5,5mm.

 

Favoloso vero?

 

Questo vuol dire che rende la Kerlite un rivestimento ideale per chi ha la possibilità di ricoprire l’esistente senza ad andare ad intaccare il funzionamento o apertura di porte finestre o porte interne.

 

Non ti fare trarre in inganno dallo spessore. Questo rivestimento possiede una durezza senza eguali.

 

In fase di produzione viene composto un impasto di gres porcellanato di prim’ordine utilizzando materie prime pregiate.

 

La fase successiva é la pressatura attraverso presse che esercitano una forza pari a 15.000 tonnellate, per raggiungere in seguito la fase di cottura eseguita attraverso una nuova tipologia di forni ecologici ed innovativi.

 

Questo rivestimento é stato concepito sia per gli interni che per gli esterni, rendendolo adatto a qualsiasi uso e zona.

 

Da non tralasciare anche la sua facilità di trasporto e maneggevolezza grazie al suo peso contenuto.

 

Qualora fossi interessato ti allego il link del sito ufficiale dove potrai trovare documentazione tecnica, prospetti ed informazioni sul tuo rivenditore più vicino.

 

 

Kerlite by Cotto d’Este

 

Una precisazione va fatta e tenuta in considerazione onde incappare in errori o contrattempi costosi!

 

Prima di andare ad incollare il nuovo rivestimento su quello che hai già é OBBLIGATORIO controllare la tenuta del vecchio rivestimento!

 

Questo vuol dire verificare che siano ben incollate, che non presentino dislivelli troppo importanti da creare pendenze difficilmente ricopribili.

 

E’ un passaggio che devi prendere in considerazione ancor prima di ordinare il materiale.

 

 

 

Nicolo Garavaglia
Nicolo Garavaglia
Felice di condividere esperienza e conoscenze con gli altri!

Lascia un commento